Comment réduire vos couts de production

Come ridurre i costi di produzione?

Abbassare i costi di produzione è una questione che ossessiona molti dirigenti aziendali e subappaltatori. Di fronte a questo enigma, difficilmente puoi fare eccezione alla regola. Tuttavia, nonostante la mancanza di apprensione in questo settore, è possibile fare dei progressi. Organizzazione del lavoro, calibrazione degli strumenti, automazione, formazione, acquisti, ecc., i produttori sono costretti a fare di tutto se vogliono ridurre i costi di produzione e migliorare la loro competitività.

Fai controllare la tua attrezzatura di calibrazione

calibrazione
La verifica della calibrazione può essere eseguita utilizzando un MES. Per quanto riguarda la raccolta dei dati, a questo scopo possono essere utilizzati misuratori specifici. È necessario tenere conto dell’effettivo utilizzo degli strumenti per una calibrazione efficace degli stessi. Non è quindi necessario attenersi al classico schema di calibrazione supportato da una data di scadenza. Il suo principale svantaggio è l’esclusione della funzione di calibrazione. L’altra alternativa, invece, consente a ciascuna postazione di definire e memorizzare le frequenze di calibrazione nel sistema.

E i metodi di organizzazione del lavoro?

Quale approccio dovrebbe essere adottato per ottenere una riduzione dei costi di produzione? Questa è la domanda principale posta da molti subappaltatori. Il metodo da utilizzare, la necessità di rivolgersi ad un consulente o anche le possibili soluzioni quando si pensa di aver provato di tutto sono tutti problemi che molti imprenditori sono costretti ad affrontare. In generale, questi devono affrontare diverse sfide. Alcuni di questi sono i limiti di competitività, le esigenze dei clienti e un ambiente altamente competitivo, come i prodotti a basso costo.

È difficile intraprendere una rivoluzione di questa portata da soli quando si è a capo di una PMI con una cultura tecnologica. Roland Borghèse è consulente in organizzazione industriale presso Cetim a Saint-Étienne. Per lui “uno dei grandi problemi dei subappaltatori francesi è spesso fare un po’ di tutto. Ad esempio, mescolando grandi serie a prezzi ridotti e prodotti tecnologici in piccole serie utilizzando gli stessi mezzi di produzione. Perché l’organizzazione risultante è un compromesso e le prestazioni complessive sono necessariamente nella media. » Nel workshop, prosegue l’esperto, “la riduzione dei costi è sempre più condizionata dalla strategia industriale”.

A lire également  Il progetto artistico “Spot’s Rampage” giunge a una fine catastrofica!

Tuttavia, non vi è dubbio che per ottenere una riduzione dei costi, i subappaltatori si affidano principalmente al miglioramento delle procedure. Tra le aziende selezionate nell’ambito di un’indagine su questo tema, l’80% cita la gestione dei processi come una leva essenziale in termini di competitività. D’altro canto, il 43% delle aziende intervistate considera il miglioramento dell’organizzazione industriale un criterio che potrebbe incidere sulla riduzione dei costi. Marc Sagorin è il segretario generale di Sifcor, leader francese nella forgiatura. “L’innovazione di prodotto/processo, assicura, resta la principale leva per la riduzione dei costi”

Considera l’idea di rinnovare la tua attrezzatura per rimanere aggiornato

Molti manager hanno scelto di fare affidamento sui progressi tecnologici per ridurre le spese di produzione nella propria azienda. Con sede a Givors, Famer è una PMI che impiega 250 dipendenti. Il suo fatturato è stimato a 50 milioni di euro e il livello di investimenti dedicati al rinnovamento delle attrezzature supera di gran lunga la media delle PMI. Questo tipo di gestione consente all’azienda di rimanere all’avanguardia della tecnologia. Le dichiarazioni di Jean-Philippe Termoz, amministratore delegato di questa struttura, non lasciano spazio a dubbi. “Per essere competitivi in ​​Francia”, spiega, “i costi fissi devono essere i più bassi”. Il fatturato derivante dalle esportazioni, stimato al 70% del fatturato complessivo dell’azienda, è la prova concreta del suo successo. I prodotti così fabbricati sono destinati a grandi aziende globali che operano in settori diversi come l’industria automobilistica, i produttori di motori industriali e l’industria delle trasmissioni.

Alcuni ritengono che il miglioramento dei processi e una migliore gestione delle risorse siano la base della riduzione dei costi aziendali. Direttore generale di Ateliers des Janves, Jean-Michel Lesire presenta le prospettive della sua azienda per il 2022. Secondo lui, se il prezzo dei pezzi rappresenta attualmente il 20%, l’obiettivo è di scendere al di sotto del 15%. “Questa è la posizione principale in cui possiamo agire”, sottolinea. Per raggiungere questo obiettivo, l’azienda ha scelto di robotizzare le sue linee di produzione montate su martelli. Dovresti sapere che la produzione di bielle utilizzate nelle automobili rappresenta il 60% della loro attività. Grazie alla robotizzazione, il numero dei lavoratori è passato da 5 a 1 in alcune postazioni di lavoro. Un altro vantaggio è che la calibrazione a caldo dei pezzi alla fine del ciclo è ora messa online.