La CSA lance un programme de spécifications et de certification de sécurité des appareils IoT pour les appareils domestiques intelligents

CSA lancia le specifiche di sicurezza dei dispositivi IoT e il programma di certificazione per i dispositivi domestici intelligenti.

In un mondo in cui dispositivi collegati ci circondano, dai campanelli video alle lampade intelligenti, garantendo la loro sicurezza è diventata una delle principali preoccupazioni. Storie di telecamere di sicurezza hackerate o attacchi a frigoriferi collegati non sono rare e, fino a poco tempo fa, valutare la robustezza di un prodotto contro tali minacce non era facile. La Connectivity Standards Alliance (CSA), creatrice dello standard per la casa intelligente questione, propone una soluzione attraverso a nuovo programma di certificazione.

Annunciato in pompa magna, questo programma aspira ad essere un riferimento in termini di sicurezza informatica per i dispositivi IoT (Internet delle cose). Si tratta di una certificazione unica, riconosciuta a livello mondiale, destinata a rassicurare i consumatori sulla sicurezza dei prodotti che acquistano. Le aziende che aderiscono alle rigide specifiche stabilite dal CSA e completano con successo il processo di certificazione potranno apporre l’etichetta sui propri prodotti Sicurezza del prodotto verificata (PSV). Questo badge è una garanzia di sicurezza, certificando che il dispositivo è protetto contro tentativi di hacking e intrusioni varie che potrebbero compromettere la privacy degli utenti.

Il programma ha il supporto dei principali attori del settore, tra cui Google, Amazon, Comcast e i principali produttori di chip come Arm, Infineon e NXP. Tale supporto evidenzia l’interesse del settore nel fornire ai consumatori parametri affidabili e facilmente identificabili per valutare la sicurezza dei dispositivi IoT.

Questa necessità di una certificazione affidabile è tanto più urgente in quanto la ricerca lo rivela La sicurezza è un criterio di acquisto primario per i consumatori, anche se la maggior parte è impotente quando si tratta di giudicare la solidità della sicurezza di un prodotto. L’etichetta PSV promette di essere un punto di svolta, consentendo agli acquirenti di identificare rapidamente i prodotti che soddisfano elevati standard di sicurezza informatica.

A lire également  Facebook rimuoverà la scheda Notizie e smetterà di pagare gli editori per i loro contenuti di notizie.

Il programma di etichettatura CSA PSV si basa su un quadro di specifiche rigorose, tra cui l’assenza di password codificate, l’archiviazione sicura di dati sensibili e meccanismi sicuri di aggiornamento del software. I prodotti che portano l’etichetta PSV avranno superato una serie di test e convalide che ne attestano la conformità alle migliori pratiche di sicurezza attuali.

Inoltre, per motivi di trasparenza e responsabilità, la CSA prevede di integrare a API consentire alle piattaforme di casa intelligente di avvisare gli utenti sullo stato di sicurezza dei dispositivi prima che si connettano alla rete domestica. Questa iniziativa potrebbe rivoluzionare il modo in cui i consumatori gestiscono la sicurezza delle loro case connesse.

Questo programma di certificazione volontaria è accolto favorevolmente come a importante passo avanti nel migliorare la sicurezza dei dispositivi IoT. Risponde a una duplice sfida: semplificare la conformità alle normative internazionali per i produttori e chiarire il panorama della sicurezza dei prodotti IoT per i consumatori. Nonostante la sua natura volontaria, che potrebbe ostacolarne l’adozione immediata, l’iniziativa CSA è vista come un significativo passo avanti per l’intero ecosistema IoT. Gli esperti del settore, come Hollie Hennessy di Omdia, ritengono che questo mix di certificazioni e standard, integrato da regolamenti e legislazione, sia essenziale per affrontare in modo efficace le crescenti preoccupazioni degli utenti riguardo alla sicurezza e alla privacy dei dispositivi connessi alla loro vita quotidiana.