emule-island

eMule-Island: il suo nuovo indirizzo nel 2022

eMule-Island, precedentemente eMule Paradise, era davvero un’isola del tesoro per gli appassionati di download alla fine degli anni 2000. Due decenni dopo, sembra che il sito sia scomparso da Internet. Ma cosa succede se ti diciamo che questa piattaforma è ancora online? Sfogliate queste poche righe per scoprire il suo indirizzo nel 2022.

eMule Paradise: una delle primissime directory di download

Apparso nel 2006, eMule Paradise è stato uno dei primissimi siti francofoni a offrire una vasta libreria di contenuti scaricabili. La piattaforma offriva agli utenti di Internet film, serie TV, cartoni animati, reportage, ma anche film per adulti. Tutto questo era disponibile gratuitamente mentre all’epoca i concorrenti chiedevano da 1 a 5 euro per ogni download.

In questo contesto, il sito ha attirato rapidamente milioni di internauti desiderosi di procurarsi il più rapidamente possibile le ultime uscite cinematografiche o gli album musicali più attesi del momento. Per gli appassionati di cinema, gli amministratori hanno fatto tutto il possibile per sottotitolare in francese gli ultimi film al botteghino non appena usciti nelle sale. eMule Paradise si è distinto anche per il suo sistema di diagnosi dei link corrotti. Pertanto, i file pubblicati online sono rimasti accessibili per mesi.

Tuttavia, con l’inasprimento delle leggi contro la violazione del diritto d’autore e della proprietà intellettuale, il sito è finito nel mirino di Hadopi e il suo fondatore, Vincent Valade, è stato arrestato e poi definitivamente condannato nel 2015. Ciò ha segnato la fine del sito. Contro ogni aspettativa, un altro team ha ripreso l’idea iniziale di creare eMule-Island. Fino ad oggi questa piattaforma è fiorente, ma il suo indirizzo cambia regolarmente.

Da eMule Paradise a eMule-Island: un’evoluzione notevole

eMule Paradise era basato su un sistema di download peer-to-peer. I visitatori dovevano utilizzare eMule per scaricare il file di loro scelta. Tuttavia, questo software ha perso popolarità nel corso degli anni. Una situazione che ha costretto eMule-island a reinventarsi. Gli amministratori hanno quindi offerto lo streaming e il download diretto. Questi nuovi servizi hanno permesso alla piattaforma di costruire attorno a sé una piccola comunità. Tuttavia, questo modesto successo fu sufficiente ad attirare l’ira di Hadopi.

eMule-Island: lo stesso destino di e-Mule Paradise?

e-Mule-Island commette gli stessi reati di eMule Paradise agli occhi delle autorità competenti. Sebbene il download peer-to-peer non sia di per sé illegale, il contenuto offerto sulla piattaforma è un’opera protetta. Film, serie TV, brani musicali e videogiochi venivano condivisi all’insaputa dei loro autori. Quest’ultimo ha naturalmente sporto denuncia.

Hadopi ha quindi contattato i fornitori di servizi Internet per bloccare l’accesso al nome di dominio del sito in Francia. Successivamente la piattaforma ha cambiato per la prima volta il proprio indirizzo ed è stata nuovamente bloccata. Per sfuggire ancora una volta a questo blocco è stata intrapresa una seconda modifica del nome di dominio.

Qual è il nuovo URL per accedere a eMule-Island?

L’ultima novità è che il sito è accessibile su emule-island.eu. Come accennato in precedenza, questo cambiamento si è reso necessario per sfuggire alle restrizioni messe in atto dagli ISP. Indipendentemente da ciò, la piattaforma ha mantenuto il suo design. Gli utenti abituali troveranno i contenuti che stanno cercando in un unico posto. Inoltre non manca nessun servizio precedentemente offerto. Gli interessati potranno quindi comunque guardare i video in streaming e optare per il download in DDL. Tuttavia il sito cambierà sicuramente indirizzo in futuro. In tal caso, ti informeremo ovviamente del nuovo indirizzo di eMule-Island.

Attenzione alle copie fraudolente

Come per il download delle directory, anche eMule-Island ha attirato l’interesse di webmaster di ogni ceto sociale. Quest’ultimo ha creato copie del sito comprendenti sia la sua libreria di contenuti che la sua carta grafica. Tuttavia, queste piattaforme ospitano anche malware. Virus informatici che, una volta scaricati, ruberanno i tuoi dati personali e ti danneggeranno in un modo o nell’altro.

Visitare eMule-Island ti espone a qualche rischio?

Visitando il sito tramite il link che abbiamo fornito sopra, non rischi di scaricare malware. Tuttavia, il download illegale espone a sanzioni. Se Hadopi riesce a rintracciarti, la polizia ti arresterà a casa tua o ti chiederà di pagare una multa.

Come sfuggire ad Hadopi?

Considerati i rischi connessi, non ti invitiamo a scaricare illegalmente film o serie TV da eMule-Island o altre piattaforme simili. Solo per tua informazione, tieni presente che esistono soluzioni per sfuggire al tracciamento di Hadopi. Negli ultimi anni molti downloader illegali hanno utilizzato una VPN.

Questi strumenti sono stati progettati per nascondere il tuo indirizzo IP e quindi nascondere allo stesso tempo la tua posizione. Questi software crittografano anche i dati in entrata e in uscita per una maggiore sicurezza. In breve, riesci a sfuggire a ogni controllo.

VPN: istruzioni per il download

Dopo aver scelto la tua VPN, tutto ciò che devi fare è accedere al tuo account. Fatto questo, è necessario avviarlo per scegliere un server. Una volta stabilita la connessione, puoi avviare il download dal tuo browser. In breve, questo suggerimento è accessibile a tutti purché tu scelga attentamente la tua VPN. Alcuni di loro tengono traccia delle attività degli utenti. In caso di perquisizione condotta da Hadopi esiste comunque il rischio di essere arrestati.

Alternative a eMule-Island

eMule-Island non è l’unico sito destinato al download illegale. Altre piattaforme offrono servizi simili e una libreria di contenuti altrettanto ricca. In caso di cambio di indirizzo basterà rivolgersi a questi portali per continuare a scaricare film, serie TV e musica.

Area di download e directory per DDL

Directory-download e directory zone sostituiscono Zone-download, il riferimento per il download diretto alcuni anni fa. Offre un’ampia varietà di contenuti e file per soddisfare gli utenti di Internet in cerca di intrattenimento.

Yggtorrent: una comunità francofona per la condivisione di Torrent

Nonostante il successo dello streaming e del download diretto, anche i torrent hanno i loro fan. Se stai cercando contenuti francesi, è meglio dare un’occhiata a Yggtorrent. La registrazione è gratuita e gli amministratori garantiscono che i tuoi dati siano protetti.

Extreme Download: per scaricare Torrent a piacimento

Extreme Download offre anche un ampio catalogo di file accessibili tramite Torrent. Questa volta non è richiesta la registrazione. Il team dietro la piattaforma fa tutto il possibile per integrare nuove funzionalità il più rapidamente possibile.

Torrent9: un sito che non ha più bisogno di essere presentato

Torrent9 ha acquisito una solida notorietà in pochi anni. D’ora in poi, come Cpasbien, il sito è diventato essenziale quando si tratta di download di torrent. Tuttavia, la piattaforma non offre un servizio di streaming o download diretto.

Mega ricerca: un motore di ricarica unico

Mega search non è un sito di download, ma piuttosto un motore di ricerca per contenuti condivisi illegalmente. Utilizzandolo, chi è interessato troverà in pochi clic il film, la serie TV o anche il divertente titolo video che da anni cercavamo di scaricare. Fa riferimento alla maggior parte dei contenuti offerti sui siti di download.

Tutto quello che devi sapere su eMule-Island e il suo nuovo indirizzo nel 2022.

Alcuni anni fa, eMule-Island è diventato un must per gli appassionati di download.

Tutto quello che devi sapere sulla nuova posizione del sito di download (poco più avanti nell’articolo).

Il software gratuito di condivisione file P2P eMule (Peer to Peer), rilasciato nel 2006, ha avuto il suo periodo di massimo splendore verso la fine degli anni 2000.

La legge Hadopi ha inferto un duro colpo al software, facendo diminuire la sua base di utenti per paura di ripercussioni.

Successivamente, la democratizzazione dei client Torrent, che consentono download più rapidi, ne ha accentuato il declino.

eMule (noto anche come mule) rimane uno strumento utile, soprattutto per localizzare contenuti meno recenti che non sempre sono disponibili su Torrent.

eMule-Island si è rapidamente affermato come il miglior partner per gli utenti Internet francesi.

Uno sguardo indietro a questa storia d’amore e all’evoluzione del sito che originariamente si chiamava eMule-Paradise.

Cos’è eMule Island?

eMule-Island è un sito francese che offre collegamenti per il download.

Il suo repertorio è eccezionalmente ampio, con film in francese o sottotitolati, serie televisive, film d’animazione e cartoni animati, reportage e spettacoli e persino ebook disponibili.

Recentemente sono stati aggiunti film XXX alla raccolta.

A lire également  Google Foto, la cartella

L’intero sito è gratuito e, a differenza di molti concorrenti, la quantità di pubblicità è gestibile.

Anche la sua rapida diagnosi dei collegamenti corrotti ha contribuito al suo successo e alla sua qualità.

isola di emulo

eMule-Island e i problemi della giustizia

La condivisione peer-to-peer non è vietata di per sé.

Ciò che è ripugnante è il download di opere protette da copyright.

La maggior parte dell’inventario di eMule di Island, tuttavia, continua ad essere opere protette da copyright che rientrano nell’Hadopi Act.

Molti proprietari di copyright hanno presentato reclami contro eMule-Paradise, che è stato costretto a chiudere… per poi riavviarsi in Russia come eMule-Paradise.ru.

A seguito di ulteriori problemi, anche la sede con sede in Russia è stata costretta a chiudere, per poi riavviare con una nuova sede nel 2020.

Qual è il nuovo indirizzo URL per eMule-Island?

Per evitare cause legali, eMule-Island ha cambiato il suo nome in eMule-Is.land, il che è un cambiamento positivo, e ora puoi accedere a eMule-Island su https://emule-island.eu/.

La parte grafica del sito non è cambiata molto rispetto all’edizione russa e non avrai problemi a orientarti.

È quasi certo che anche questo nuovo sito sarà costretto a chiudere in futuro.

In tal caso, ti informeremo del suo nuovo indirizzo.

Attenzione ai cloni di Emule Island!

Ma fa attenzione.

I cloni del sito di download sono stati creati in seguito alla chiusura di eMule-Paradise e poi di eMule-Island.ru.

Tuttavia, in questi cloni sono spesso incorporati virus e altri malware.

Non fidarti dei siti che non hanno il dominio emule-is.land; potrebbero causare seri problemi infettando la tua macchina.

Quali sono i rischi che si corrono visitando il sito di emule island?

Sei libero di navigare nel sito di eMule-Island.

Scaricare contenuti di cui non possiedi i diritti è illegale.

Puoi scaricare liberamente un film che hai acquistato su DVD ma che è danneggiato, ma non puoi farlo se non lo possiedi.

È qui che la legge Hadopi può porre problemi.

Come bypassare Hadopi per caricare su emule-island?

Usare una VPN è il modo più semplice per evitare di cadere vittima della legge Hadopi.

In Francia, l’utilizzo di una VPN è completamente legale.

Ti consente, tra le altre cose, di connetterti con un altro indirizzo IP, rendendo impossibile determinare la tua posizione, nonché di crittografare tutti i dati inviati e ricevuti.

Pertanto sei completamente invisibile ai radar di Hadopi.

Tuttavia, anche se la polizia non riesce a localizzarti e stai utilizzando correttamente una VPN, scaricare opere protette da copyright è comunque illegale.

Come utilizzare una VPN con eMule-Island

È molto semplice.

Devi solo scegliere una VPN affidabile (alcune sono gratuite, ma limitate, altre si pagano con un abbonamento che rimane accessibile).

Una volta che sei determinato, tutto ciò che resta da fare è installarlo e farlo funzionare.

Usare una VPN è piuttosto semplice e intuitivo in generale.

Una volta configurata la VPN, puoi accedere a eMule-Island e scaricare o trasmettere in streaming ciò che desideri senza temere la furia di Hadopi.

eMule Paradise, una nuova sperimentazione a otto anni dalla sperimentazione iniziale

Il procuratore, comparso il 9 e 10 febbraio a Parigi, ha condannato il creatore del sito a pagare 8 milioni di dollari di danni.

Si è svolto finalmente il 9 e 10 febbraio presso la Camera 31 del TGI di Parigi il processo contro eMule Paradise, sito di download illegale di film e programmi televisivi, dopo otto anni di rinvii, cancellazioni, controannullamenti e deferimenti al gip .

L’ideatore e proprietario di eMule Paradise, Vincent Valade, 29 anni, così come altri quattro giovani, alcuni dei quali volontari, e il proprietario dell’agenzia pubblicitaria Netavenir, che ha pubblicato annunci sul sito, sono tutti sotto processo per il loro coinvolgimento .

Di fronte, un’armata impressionante: otto avvocati in rappresentanza di tredici parti civili, tra cui i pesi massimi di Hollywood (Fox, Disney, Universal, Paramount), i colossi francesi dei media Pathé e Galatea, Sacem…
Anche se il caso è vecchio, serve ancora da esempio per i ricorrenti perché Vincent Valade aveva tutto da guadagnare.

Un anno dopo il suo lancio nel 2004, eMule Paradise è stato chiuso nel dicembre 2006.
Aveva solo 18 anni nel 2004 quando Vincent Valade sviluppò un modello di business di successo.
Per un pubblico francofono, il sito seleziona e pubblica link a film e programmi televisivi ospitati sui computer di milioni di internauti collegati tramite il software peer-to-peer eMulle.
Oltre a scaricare il software eMule, tutorial, file sui lavori, una classifica tra i primi 50, un forum e un feed di notizie RSS, offriva un’interfaccia molto user-friendly.

Qui puoi saperne di più sul progetto eMule e scaricare il software.
Il software di download P2P sta diventando sempre meno popolare.
WWW.EMULE-PROJECT.NET

Si sosteneva che eMule Paradise offrisse un reale valore aggiunto agli utenti di Internet, in particolare convalidando i collegamenti per evitare che i visitatori incontrassero spiacevoli sorprese (copie di scarsa qualità o troncate, film con nomi impropri, file infettati da virus, ecc.).
Secondo gli investigatori dell’Associazione per la lotta contro la pirateria audiovisiva, in determinati giorni il suo sito è stato visitato da 330.000 persone e conteneva collegamenti a oltre 7.000 film.
Più di 6,1 milioni di download potrebbero essere attribuiti a Vincent Valade.

Grazie ad un accordo con l’agenzia pubblicitaria Netavenir che permetteva di esporre sulle sue pagine banner di grandi marchi, il servizio ha fruttato anche se era gratuito.
Con più di 410.000 euro in banca, Vincent Valade poteva permettersi di affittare potenti server Internet, assumere tecnici e acquistare una Porsche Cayenne per 70.000 euro.
Inoltre, su un altro sito web da lui aperto aveva creato una piattaforma di video pornografici.
I pubblici ministeri affermano che i due siti hanno lavorato “in sinergia” a livello commerciale, tecnico e finanziario, il che è legale.

Per ragioni fiscali e previdenziali creò tre società di comodo: una nel New Jersey con un conto bancario in Estonia, un’altra in Belize con un conto bancario a Cipro e una terza in Lussemburgo. Tutti questi conti erano situati all’estero.
Il fatto che Vincent Valade sia un “precoce e abile uomo d’affari pirata”, secondo l’avvocato della Sacem, Josée-Anne Benazeraf, ne è la prova.

Nel settembre 2006 è stato arrestato da una squadra di investigatori specializzati.
Dal canto suo, l’uomo non si lascia impressionare e continua la sua attività, raccogliendo denaro per “grosse multe” attraverso un appello online.
Per questo motivo è stata presa in custodia una seconda volta a dicembre, e questa volta le cose non sono andate bene: “La polizia ha minacciato di prendermi in custodia se non avessi immediatamente chiuso il mio sito web dalla loro sede.
Da allora il sito non funziona più.
Poco dopo, Vincent Valade si stabilì in Lussemburgo.
Quest’uomo afferma di aver abbandonato il suo sito pornografico per concentrarsi sul suo sito eMule.
In Lussemburgo niente va mai come previsto.
Rovinato, torna dalla madre in Francia e vive con lei.

Come si difende oggi, sostiene che in realtà ha guadagnato solo circa 160.000 euro in totale.
Ha detto che la maggior parte del denaro proveniva dal sito porno legale eMule Paradise, non dal sito stesso.
Ha contattato online una società lussemburghese che offriva “pacchetti offshore” per le aziende con cui voleva lavorare all’estero.
“È solo un errore, sono stato mal consigliato, ho subito influenze negative”, ha detto della sua mancanza di patente.

dieci anni di azione legale

Con l’età e la barba che ne consegue, Vincent Valade è diventato una figura intimidatoria.
Anche dieci anni dopo, è difficile ricordare l’adolescente avventuroso e ribelle che era.
Ha avuto difficoltà ad affrontare questa terribile prova.
È disoccupato e vive con la madre ad Asnières, in Francia: “Dopo aver letto questa storia, sono troppo esausto per fare qualsiasi altra cosa tutto il giorno.
Non posso fare nulla e il mio futuro è incerto.
Sono curioso di vedere cosa succederà dopo.”

Per spiegare il suo comportamento passato, racconta la sua infanzia, quella di un ragazzo traumatizzato da un lutto familiare, che ha abbandonato la scuola all’età di 14 anni e che comunica con il resto del mondo solo tramite Internet dopo una serie di insuccessi scolastici.
A scuola sviluppa un interesse per i computer e fa amicizia a distanza: “La creazione del sito è stata realizzata da una piccola comunità fraterna e solidale, senza obiettivi commerciali.
Non appena ho sentito che potevo finalmente esistere e fare cose, ho iniziato a condividere il mio entusiasmo con gli altri.
È stato grazie a Internet che sono riuscito a uscire dal mio isolamento.
Tutti gli argomenti sono stati discussi dai 150.000 membri del forum.”

Secondo chi afferma di non essersi mai nascosto, perché non si sentiva davvero in colpa visto che non ospitava alcun file e si accontentava di pubblicare link creati da altri, non solo non si nascondeva.
Urssaf e il fisco erano già a conoscenza della sua situazione, quindi aveva provveduto a normalizzarla dichiarando il suo primo reddito nella dichiarazione dei redditi di sua madre.

Le parti civili, che non sembrano interessate alle tesi della difesa, chiedono 8 milioni di euro di danni.
In totale gli sono dovuti 367.000 euro verso l’erario a causa di sanzioni e soprattasse per ritardato pagamento.
Il suo avvocato, Jean-Philippe Hugot, è responsabile delle questioni finanziarie “Non c’è più nulla sul suo conto bancario.
Netavenir gli deve 50.000 dollari per il sequestro della sua Porsche, e ha dovuto pagare 50.000 euro per portare l’auto in tribunale.”
Senza successo, Vincent Valade ha negoziato con il fisco: “Per dimostrare la mia buona fede, ho trovato lavoro a Decathlon.
Quando mi sono rifiutato di pagare 200.000 euro all’anno, la società di riscossione me lo ha preteso.
Quindi ho sospeso tutto.

La Procura non ha mai chiesto una pena detentiva.
Vincent Valade è stato condannato a pagare una multa di 80.000 euro oltre a 8 milioni di euro di danni.
Jean-Philippe Hugot dice di non avere problemi a pagare la multa.
Grazie ai soldi della spedizione e alla Porsche confiscata, lo Stato potrà badare a se stesso.
Se invece i danni saranno confermati dal giudice, lui ne sarà responsabile fino alla fine della vita.”
Le multe previste vanno dai 4.000 ai 10.000 euro per i complici e 50.000 dollari per Netavenir.
Il tribunale ha rinviato la decisione al 12 maggio.
L’attesa per una risposta da Vincent Valade è lungi dall’essere finita.