photo du processeur google tensor

Google Tensor, dettagli sul nuovo processore mobile

Destinato alla gamma di smartphone del gruppo Alphabet, Google Tensor è un processore a 8 core che utilizza la tecnologia a 5 nm. Questa CPU prende in prestito il funzionamento neurale. Si posiziona nella classe dei chip di ultima generazione di Qualcomm, Samsung o Apple. Capace di mettere in ombra i suoi avversari, questo chipset utilizza l’architettura ARM e gestisce l’intelligenza artificiale meglio dei suoi concorrenti. Ecco una panoramica di questo nuovo prodotto dell’azienda di Mountain View.

Un chip per smartphone come nessun altro

Meno di un anno prima della sua uscita, i media stanno trasmettendo la notizia su Google Tensor. The Verge scrive nelle sue pagine che il produttore utilizza per questo chip design presi in prestito da altri marchi. Questo nuovo processore include una GPU e un modem. Gestisce tutto ciò che riguarda la grafica e la connessione, senza la minima difficoltà. Si dice che la stessa Qualcomm abbia dato una mano nella creazione del chipset. Quest’ultimo presenta quindi le stesse qualità degli attuali chip per laptop.

Google ha portato tutta la sua esperienza nell’ingegneria del software dedicata ai video nella progettazione del chipset Tensor. L’eccellente fotocamera dei telefoni Pixel conferma il suo inconfutabile know-how. Il team di Larry Page vuole andare oltre concentrandosi sull’elaborazione dell’intelligenza artificiale. Il chip avrà gli stessi attributi di quelli utilizzati nei data center. Il loro sistema neurale garantisce l’apprendimento e diverse nuove funzionalità.

Il chip Tensor ispessisce l’ecosistema Android

Naturalmente Google prevede processori Tensor per i suoi prodotti. I futuri Pixelbook e i prossimi altoparlanti connessi Nest ne saranno probabilmente dotati. Tutti i dispositivi dell’azienda saranno in grado di trasportarlo per migliorare l’operatività. L’editore Android vuole che questa tecnologia sia ampiamente distribuita. L’inventore del sistema operativo mobile più utilizzato al mondo vuole addirittura armonizzarlo con i suoi servizi.

Tensor sarà perfettamente compatibile con il pacchetto di offerte digitali di Google. Gestisce perfettamente Gmail, Maps, Calendario e tutto il resto. I futuri aggiornamenti terranno conto anche delle particolarità di questo microprocessore. Questa tendenza generale avvicina l’azienda alla strategia di Apple. Il brand della mela non sarà più l’unico ad avere un ecosistema verticale quasi chiuso.

Un microprocessore per lo smartphone Pixel 6

Con il processore Tensor Google intende recuperare terreno nella classifica dei migliori smartphone sul mercato. Dotato di questo chip, Pixel 6 Pro è il modello più ambizioso dell’azienda californiana. Il suo chipset su misura dovrebbe renderlo efficiente quanto i suoi principali rivali. Il duello con iPhone 13 Pro Max sarà impietoso.

Soprattutto, il telefono di Google avrà il vantaggio di integrare un’intelligenza artificiale all’avanguardia. Da parte sua, l’iPhone 13e da cui prende il nome si libera dalle reti GSM. Permetterà di effettuare chiamate satellitari da qualsiasi luogo sulla terra e nello spazio. Secondo quanto riferito, l’azienda di Mountain View ha stretto un’alleanza con Samsung per rilasciare il miglior telefono mai prodotto. Il marchio coreano è l’unico a padroneggiare la tecnologia neurale a 5 nm, ad eccezione di TSMC.

Una CPU progettata per l’apprendimento automatico

Il nome del nuovo processore è un omaggio a TensorFlow. È la piattaforma per lo sviluppo di soluzioni open source per il machine learning. Queste informazioni provengono da Osterloh, vicepresidente di Google Services and Devices. Ciò suggerisce che l’intelligenza artificiale sarà la punta di diamante di questo processore e dei cellulari che lo incorporeranno. L’azienda sta ancora raccogliendo informazioni sul chipset, ma questo chipset è simile al SoC ARM.

Previsto per l’inverno 2022, il Tensor utilizza la tecnologia TPU. Senza entrare nei dettagli tecnici, questo chip è modellato sui modelli operativi presenti nei database dell’azienda. Non dobbiamo dimenticare che Google rimane il leader nei motori di ricerca. È anche leader nell’hosting e nell’archiviazione con Drive. La sezione dedicata al segnale immagine (ISP) sarebbe stata rielaborata. In altre parole, sul Pixel 6 Pro vedranno la luce funzionalità completamente nuove.

A lire également  Il commissario FCC vuole aprire un'indagine su Apple in merito alla chiusura del Beeper Mini.

Verso un telefono con una fotocamera quasi perfetta

L’evoluzione delle fotocamere integrate nei cellulari Google non ha più bisogno di essere dimostrata. L’azienda non offriva solo sensori folli con decine di milioni di pixel. Ha inoltre integrato l’apprendimento automatico e l’intelligenza artificiale in modo che l’elaborazione delle immagini avvenga in modo ottimale. La fotografia non sarà più la stessa con questo SoC del futuro.

Pixel 6 può acquisire contemporaneamente due immagini ad altissima risoluzione su due sensori. Il primo avrà un’esposizione normale. L’altro è realizzato con l’obiettivo grandangolare con una velocità dell’otturatore elevata. Ciò offre foto vicine alla percezione dell’occhio umano in ogni momento. Non è solo una questione di definizione e nitidezza. Il dispositivo può correggere le immagini sfocate se l’utente si è spostato.

Nuova gestione delle funzionalità video

Grazie alla CPU Tensor, i dispositivi Google dispongono di una potenza di calcolo intensiva senza rivali. L’applicazione dell’apprendimento automatico ai video rende possibile filmare nelle situazioni più difficili. L’intelligenza artificiale gestisce la luminosità o la stabilità. È anche in grado di girare sequenze in controluce. Il vicepresidente dell’azienda spiega che questa tecnologia è semplicemente impossibile sugli attuali processori.

I nuovi Pixel saranno dotati di un sistema HDRnet. In altre parole, i prossimi cellulari di Google saranno in grado di zoomare 10x in altissima definizione. La velocità di elaborazione del processore ha consentito questa impresa tecnologica. Le funzionalità promettono di essere riccamente innovative. In particolare c’è la possibilità di creare istantaneamente i sottotitoli per un video in francese. La precisione della lingua sarà la stessa di Google Translate.

La joint venture comincia a dare i suoi frutti

Il portavoce di Google è stato piuttosto discreto riguardo alle specifiche tecniche del processore Tensor. Quest’ultimo potrebbe utilizzare tecnologie di Qualcomm e Samsung. Le ipotesi suggeriscono che la novità sarà in grado di copiare lo Snapdragon 888. Questo chip utilizza versioni personalizzate di Cortex-X1, A78 e A55 di ARM. Il SoC potrebbe anche essere simile all’Exynos 2100 che equipaggia la gamma Galaxy S.

Per i media XDA, il processore di Google sarà un mix tra Cortex-A78, A76 e A55. Per quanto riguarda la gestione delle immagini, sarà in grado di incorporare la GPU Mali di ARM. In attesa di conferme, dobbiamo dire che il Pixel 6 sarà un telefono performante, soprattutto a livello di foto e video. Resta da vedere se la capacità della batteria e della memoria seguirà questo slancio.

Uno Smartphone per gestire la realtà aumentata e non solo

Google è leader nell’intelligenza artificiale. Questi altoparlanti collegati lo confermano. La sua supremazia tecnologica è tale che Apple si è affrettata a reclutare John Giannandrea, ex capo del dipartimento AI dell’azienda, nel 2018. Per restare al passo, l’azienda intende incorporare la nuova generazione di realtà aumentata nei suoi dispositivi. Il che fa parte della logica dell’editor WebXR. Questa raccolta include un radar di distanza, la misurazione degli oggetti che circondano il telefono e il tunnel virtuale Floom.

Durante la sua intervista con The Verge, Osterloh ha assicurato che le novità riguardano la fotografia, il video, ma anche l’audio. Con Tensor, i dispositivi mobili avranno la funzionalità Live Caption. Con Android, Pixel 6 Pro tradurrà i testi in tempo reale. Può anche fungere da interprete con i sottotitoli.

Google Tensor è difficile da posizionare

Le speculazioni sono all’ordine del giorno in attesa del rilascio del Pixel 6 Pro equipaggiato con il SoC Tensor. L’unico riferimento affidabile sarebbe il test Geekbench. Lo smartphone di Google avrebbe un punteggio inferiore rispetto al OnePlus 9 con chipset Snapdragon 888. Allo stesso tempo, AnTuTu, un altro percorso di benchmarking, lo colloca sotto il Redmagic 6 dotato anch’esso del chip Snapdragon 888 Google-Samsung sarebbe in vantaggio rispetto al SoC bionico Apple A14 montato sull’attuale iPhone 12 Pro Max.

Indipendentemente dai punteggi e dalle recensioni assegnati a Google Tensor, questo chip rappresenta una grande novità per Google. Versioni e aggiornamenti pioveranno rapidamente. Gli editori di Snapdragon stanno seguendo l’evoluzione di questo importante concorrente. Inoltre è quasi impossibile fare a meno dei servizi Google, soprattutto Android. Per ora, sulla scacchiera degli smartphone, regnano sovrani il Galaxy S21 e i telefoni cinesi.