Jason Momoa joue déjà avec le mystère et demande aux fans de décider de l'avenir de l'acteur dans le nouveau DCEU de James Gunn

Jason Momoa sta già giocando con il mistero e chiede ai fan di decidere il futuro dell’attore nel nuovo DCEU di James Gunn

Mancano pochissimi giorni all’uscita dell’ultimo film dello Snyderverse: Aquaman e il Regno Perduto nelle sale di tutto il mondo. Jason Momoa saluterà un franchise che non ha mai veramente saputo decollare per accogliere un universo abbastanza ambizioso firmato James Gunn. Naturalmente, sembra che l’attore hawaiano non si staccherà completamente dal franchise di proprietà della Warner.

Attraverso un’intervista con Etalk, l’attore che interpreta Arthur Curry ha affermato che il sequel di Aquaman è un film fantastico e che il suo obiettivo principale è chiudere il ciclo con cui Zack Snyder aprì dieci anni fa. Uomo di ferro ma ha anche lasciato indizi sul fatto che potrebbe tornare nel franchise.

“Penso che sia un film fantastico che riassume tutto. Puoi vedere a che punto siamo, ed è un viaggio davvero interessante. Sono passati 12 anni e il DCEU sta giungendo al termine. Penso che sia “uno di quelli film in cui vuoi vedere come finisce, e penso che questo sia davvero un buon modo per finirlo a voi. Ma abbiamo fatto un ottimo lavoro, penso che i fan saranno molto emozionati, molto orgogliosi. Ne sono molto orgoglioso.”

Anche se aveva lasciato in sospeso un suo possibile ritorno nel franchise, le ultime indiscrezioni affermavano che Momoa sarebbe tornato a lavorare ai DC Studios per interpretare Lobo, uno dei più grandi cattivi di Superman nei fumetti e una delle grandi star di Dei e mostri .

Ma c’è ancora molta strada da fare per saperne di più sul suo futuro. Anche se nel 2024 vedremo i primi due progetti guidati da James Gunn, bisognerà attendere l’11 luglio 2025 perché questa nuova avventura abbia veramente inizio con Superman: Legacy, il reboot dell’Uomo d’Acciaio sul grande schermo.

A lire également  Ha giocato a Skyrim su cinque piattaforme diverse e non ha toccato un cavallo da 400 ore perché il gioco di ruolo è bellissimo