Marketing: risparmia tempo con lo sprint design!

Le tendenze del marketing sono in continua evoluzione. Oggi il tempo per un ROI di grande impatto sta scadendo. Il design sprint è un concetto che consente di risparmiare tempo mantenendo una qualità di lavoro ottimale. Come definire il design sprint? Qual è la differenza con il design thinking, una tecnica molto conosciuta?

Cos’è lo sprint progettuale?

Il Design Sprint è un metodo basato sul Design Thinking. Nel complesso, il principio è semplice. Implica il passaggio da un’idea concettuale alla sua realizzazione o pianificazione in un tempo definito (5 giorni nella maggior parte dei casi).

Perché il design sprint è interessante? Condensare la tua ricerca e dedicarti completamente al prototipo ti permette di identificare rapidamente gli ostacoli alla progettazione o alla vendita. Ecco le 5 fasi del design sprint:

  • Lunedì: comprendere e definire gli obiettivi, nonché il target
  • Martedì: divergere e pensare alle possibili soluzioni
  • Mercoledì: decidere e scegliere le soluzioni migliori
  • Giovedì: prototipo per dare forma alla soluzione prevista
  • Venerdì: test basato su uno scenario tipico

I vantaggi del design sprint

Il design sprint presenta diversi vantaggi:

  • I problemi vengono risolti in meno di una settimana.
  • Le idee vengono testate prima di investire nelle varie fasi di sviluppo.
  • Il ritorno sull’investimento è più rapido e maggiore.
  • I riorientamenti non sono costosi né comportano pochi rischi.
  • Integrare le fasi del design sprint facilita la raccolta fondi e rassicura gli investitori.

Questo metodo, ispirato al design thinking, è ideale per conoscere rapidamente la fattibilità di un progetto. Per testare questa tecnica durante i vostri progetti, non esitate a informarvi saperne di più sul design sprint !

A lire également  Combinare strategia online e offline: è una buona idea?

Design Thinking: in cosa consiste?

Il Design Thinking è un metodo focalizzato sull’esperienza dell’utente, cioè sugli esseri umani. Anticipiamo i comportamenti più probabili. Questo modo di lavorare è ben noto ai professionisti del marketing responsabili della conversione dei visitatori con inviti all’azione (CTA).

sprint di progettazione

Qui non esiste un vero e proprio processo, ma piuttosto uno stato d’animo in cui l’utente è al centro delle preoccupazioni. Egli deve essere soddisfatto e la sua soddisfazione deve ovviamente dar luogo ad una conversione in uno schema ideale. Tuttavia, possiamo ricordare 7 passaggi da seguire in questo tipo di processo: definire, ricercare, immaginare, prototipare, selezionare, implementare e apprendere.

Possiamo dire che il design thinking è un angolo di vista da adottare quando si progetta un prodotto. Il prodotto deve essere progettato per risolvere i problemi degli utenti. La nozione di UX design è al centro del metodo.

Gli strumenti utilizzati sono generalmente Hotjar e User Testing per raccogliere il feedback degli utenti. In termini di creazione di modelli, puoi utilizzare Adobe XD o Figma.

Qual è la differenza tra design sprint e design thinking?

Il design sprint e il design thinking sono collegati. Possiamo infatti dire che il design sprint deve comprendere una strategia di design thinking. Il design sprint riguarda, infatti, i metodi e gli strumenti che consentono l’innovazione nella progettazione. D’altra parte, il design thinking mira a risolvere i problemi degli utenti utilizzando, ovviamente, strumenti e metodi.

Pertanto, sarai d’accordo sul fatto che questi metodi servono a uno scopo diverso separatamente. Tuttavia, applicarli entrambi consente di risparmiare tempo con un investimento contenuto.

Per concludere, il design thinking è un concetto più ampio del design sprint che può far parte di una strategia di design thinking. Tuttavia, questi metodi possono essere utilizzati separatamente.