seo prestashop

Ottimizza il SEO dei tuoi siti su Prestashop

Sebbene WordPress sia il CMS più popolare fino ad oggi, condivide il mercato con strumenti altrettanto potenti, incluso Prestashop. Per gli e-commerce, questa piattaforma è tra le più complete per creare un negozio online. Si unisce anche ad altri CMS per la sua facilità d’uso offrendo agli utenti un’interfaccia facile da usare.

Nonostante le innegabili qualità di Prestashop, ottimizzare un sito con questo CMS per il referenziamento naturale non è un compito facile. Tuttavia un negozio virtuale degno di questo nome non può essere redditizio senza una buona visibilità sui motori di ricerca. Per risolvere questo enigma che potrebbe tormentarti attualmente, abbiamo preparato questo file che spiega come lavorare sulla SEO di un sito sotto Prestashop.

Prestashop: un CMS non a misura di SEO?

Prestashop non è stato costruito con lo stesso spirito di WordPress. Si tratta di un CMS destinato ai rivenditori online e accessibile gratuitamente. La sua sopravvivenza dipende dalla vendita dei moduli. Questi forniscono i mezzi per aggiungere varie funzionalità ai siti creati. Permettono ad esempio di raccogliere più statistiche, di monitorare più efficacemente le vendite o di apportare più facilmente determinate modifiche.

L’editore di Prestashop ha capito da tempo che i rivenditori online non possono fare a meno di una strategia SEO. Per soddisfare queste esigenze sono state sviluppate soluzioni sotto forma di moduli. Anche se Prestashop è accessibile gratuitamente, il suo utilizzo impone ai rivenditori online di dotarsi di alcuni moduli specifici per la sostenibilità delle loro attività. Il CMS deve la sua longevità a questo modello di business.

È quindi chiaro che Prestashop nativamente non offre tante opzioni quanto altre piattaforme dello stesso tipo. Per entrare in un mercato relativamente competitivo, l’utente deve necessariamente spendere qualche euro in modo da dotarsi dell’essenziale per un’ottimizzazione SEO degna di questo nome.

Come ottimizzare la referenziazione naturale di un sito e-commerce su Prestashop?

Come accennato in precedenza, dovrai dotarti dei moduli adeguati per lavorare sulla SEO del tuo negozio online. Idealmente, dovresti quindi rivedere tutti i componenti aggiuntivi già presenti e assicurarti che non ne manchi nessuno. Tuttavia, giorno dopo giorno, continuano ad apparire nuovi moduli pensati per la SEO. Tuttavia, non dovrai necessariamente acquistare tutti questi moduli. Alcuni di essi potrebbero venire con il tema scelto.

Al fine di fornirti le migliori pratiche per ottimizzare adeguatamente il nostro sito, presenteremo di seguito le domande che dovresti porti. Focalizzandoci su queste domande vi forniremo anche i nomi di alcuni moduli di uso comune. Discuteremo principalmente delle ottimizzazioni in loco. Se dopo aver seguito i nostri consigli non riesci a portare il tuo sito in prima pagina su Google, devi valutare l’ottimizzazione off-site del tuo negozio, ovvero il netlinking.

Sei riuscito a creare un sito e-commerce dal design responsive?

Il responsive design è diventato essenziale dopo l’implementazione dell’indice Mobile First di Google. Un sito senza versione mobile sarà meno ben posizionato di un portale che integra una versione mobile. Google vuole infatti offrire maggiore comfort di navigazione agli utenti mobili, il cui numero è in costante aumento. Prima di progettare o implementare una strategia SEO complessa, gli utenti Prestashop devono già scegliere un tema di responsive design.

A parte le questioni legate alla SEO, il design reattivo del sito di e-commerce migliora davvero l’accessibilità del tuo negozio online. I consulenti SEO stimano che in molti settori più della metà del traffico provenga da dispositivi mobili. I consumatori che utilizzano smartphone e tablet hanno bisogno di sperimentare al meglio i tuoi prodotti, indipendentemente dai dispositivi che utilizzano.

Tieni presente, tuttavia, che modificare un tema classico per renderlo un tema di design responsivo non è un compito facile. Nel caso in cui tu abbia fatto la scelta sbagliata, è meglio cambiare tema invece di intraprendere infinite modifiche. Se possibile, evita temi responsive gratuiti. Il display potrebbe lasciare un po’ a desiderare a causa di alcuni bug irrisolti.

Tuttavia, un cambio di tema può confondere i tuoi clienti fedeli. Di fronte a questa situazione, ti consigliamo invece di modificare il tema avvalendoti dei servizi di uno sviluppatore che conosca perfettamente il CMS.

Hai cambiato i tag del tuo sito PrestaShop?

I tag HTML inclusi i tag Hn, Titolo e meta description sono parte integrante dell’ottimizzazione SEO di un sito. Purtroppo questi tag vengono troppo spesso trascurati dai rivenditori online. In effetti, questi elementi dovrebbero essere personalizzati in anticipo. Questa personalizzazione sarà importante agli occhi dei motori di ricerca. Ti consente di distinguere un sito da altre piattaforme che utilizzano lo stesso tema.

In linea di principio, qualsiasi tema Prestashop include un modulo di personalizzazione dei tag. Quindi non devi necessariamente pianificare alcun acquisto. Detto questo, se il tema non dispone di questo modello, dovrai richiedere la carta di credito per ottimizzare il tuo sito.

Tra i moduli più apprezzati, Easy SEO è in assoluto il più accessibile e pratico. Questo modulo che costa € 59,99 farà al caso tuo. Chi ha un budget più ampio può optare per SEO Expert, un mini toolbox che ti costerà non meno di 150€.

Questo modulo più efficiente offre funzionalità aggiuntive. Fornisce i mezzi per rinominare le immagini già presenti sul tuo server. Ricorda che Prestashop non offre nativamente questa possibilità. Questo modulo ti offre anche una nuova opportunità per ottimizzare il tuo sito. Come scopriremo più avanti, le immagini e gli alt tag giocano un ruolo decisivo.

Hai lavorato sufficientemente sul contenuto delle tue pagine di categoria e delle tue schede prodotto?

Le pagine di categoria e le schede prodotto occupano un posto importante all’interno di un negozio online. Sottolineiamo l’importanza delle pagine di categoria. Queste sono spesso le pagine più visitate poiché i consumatori cercano naturalmente di scoprire tutti i prodotti che offriamo. Come puoi immaginare, una strategia di referenziazione naturale coinvolge necessariamente il contenuto testuale. Sarà necessario fornire informazioni sufficienti ai visitatori utilizzando le parole giuste per posizionarsi correttamente sul mercato.

A lire également  Inb network ai marketing: quali sono le differenze?

Prestashop ti consente di aggiungere nativamente contenuti alle pagine delle categorie. In questo senso, non è necessario dotarsi di un modulo specifico per svolgere questi compiti. Detto questo, per fornire una descrizione del prodotto che sia ben accolta dagli algoritmi di Google, si dovrebbe prendere in considerazione l’utilizzo di uno strumento di analisi semantica. Questa volta dovrai utilizzare altri strumenti come YourTextGuru. Questo tipo di strumento ti aiuta a lavorare sui contenuti per indirizzare le domande giuste. In pratica, si tratta di utilizzare espressioni chiave in un dato argomento per riflettere un campo lessicale che sia allo stesso tempo ricco e coerente.

Tuttavia, gli strumenti di ottimizzazione semantica non sono tutto. Dovresti anche utilizzare tag efficaci per evidenziare frasi specifiche. Utilizzando questo tag potrai indicare ai robot di indicizzazione di Google quali termini considerare per primi. In questo modo potrai posizionarti sulle query di tua scelta.

Quando si tratta di schede prodotto, la chiarezza della descrizione fornita ha la precedenza sui tuoi obiettivi SEO. In linea di massima si tratta di fornire quante più informazioni possibili sull’articolo in questione. Queste informazioni consentiranno ai potenziali acquirenti di esprimere le proprie opinioni. Puoi anche aggiungere il tuo tocco personale alla scrittura delle tue descrizioni per creare una connessione autentica con l’acquirente.

Esistono molti modi per strutturare una scheda prodotto. Molti specialisti ritengono però che sarebbe saggio presentare l’articolo, elencarne i vantaggi e poi fornire consigli sull’utilizzo. Per i prodotti il ​​cui utilizzo richiede un certo know-how, forniremo una sezione FAQ. Ogni risposta fornita sarà un contenuto unico che fornirà informazioni preziose sviluppando un campo lessicale preciso. Per chi non sa come aggiungere una sezione FAQ, è possibile affidarsi a Opart FAQ, un modulo pensato proprio per rispondere a questo tipo di esigenza.

Hai pianificato una sezione blog per il tuo sito e-commerce?

I webmaster devono capire che un buon posizionamento va di pari passo con una strategia di contenuto. Tuttavia, come si distribuiscono i contenuti su un negozio online? BENE ! Tutto quello che devi fare è aggiungere una sezione blog al tuo sito. Ciò ti consentirà di affrontare temi relativi al tuo campo di attività o agli articoli che offri.

Verrà utilizzato anche un blog per inserire vari link utili per il netlinking e il vostro networking interno (torneremo su questo più tardi). Grazie a questo componente avrai diverse ancore. Ciò ti consentirà di evidenziare le pagine più importanti del tuo negozio online. In questo modo potrai implementare una vera e propria strategia SEO.

Un blog sarà essenziale anche per costruire la propria identità sul Web. I contenuti accessibili sul blog dimostreranno al pubblico che possiedi un reale know-how o una perfetta conoscenza dei tuoi prodotti. Un blog consoliderà la tua posizione in un mercato specifico.

Creare un blog su un sito PrestaShop, però, richiede competenze tecniche abbastanza avanzate. Se non hai l’anima di uno sviluppatore, è meglio dotarsi di un modulo pensato per questo tipo di compito. Molti si affidano in particolare al modulo “Blog” di Prestashop. D’altra parte, se hai qualche conoscenza di programmazione, nulla ti impedisce di guardare un tutorial e quindi apportare le modifiche necessarie.

Sei andato in guerra contro i contenuti duplicati?

Non lo diremo mai abbastanza: sulle SERP e nel mondo digitale i contenuti sono RE. Devi quindi pubblicare contenuti unici e andare a caccia di testi duplicati. Contrariamente alla credenza popolare, i contenuti duplicati minacciano tutti i siti anche se i loro webmaster fanno ogni sforzo per adottare buone pratiche SEO. Ad esempio, i tuoi concorrenti possono copiare e incollare i tuoi contenuti.

Se non si intraprende alcuna azione preventiva, si rischia di cadere vittima di questa situazione. Accade spesso che i rivenditori online offrano alcuni dei loro prodotti su mercati come Amazon o Ebay. Queste piattaforme hanno una reputazione migliore di un oscuro negozio online, i contenuti ivi pubblicati sono considerati originali. Il che penalizza la referenziazione naturale delle proprie pagine.

Per rimediare al problema, dovrai prima imparare a identificare i contenuti duplicati. Fortunatamente, ci sono molte opzioni a tua disposizione, a cominciare dal motore di ricerca Google. Tutto quello che devi fare è copiare un pezzo del testo in questione nella barra di ricerca e quindi avviare una ricerca. Se questo pezzo di testo è presente su altri siti, il motore di ricerca lo visualizzerà.

Tuttavia, questo metodo non è infallibile. Se l’articolo è troppo lungo, Google non mostrerà alcuna corrispondenza. Per non lasciare nulla al caso è meglio utilizzare strumenti specifici come Copyscape. Quest’ultimo scansionerà l’intera Internet. Per utilizzarlo, però, dovrai investire una certa somma per utilizzarlo. Le persone intelligenti possono anche rivolgersi a Positeo per rilevare gratuitamente i contenuti duplicati. Tuttavia, lo strumento non sarà sempre funzionale. Di tanto in tanto non sarà disponibile quando la piattaforma elabora un gran numero di richieste.

Hai lavorato sul networking interno?

Il networking interno è parte integrante dell’ottimizzazione SEO degna di questo nome. Questo lavoro fornisce i mezzi per chiarire l’architettura del tuo sito e strutturarlo meglio. Il collegamento interno aiuta l’algoritmo di Google a percepire meglio il portale.

I link interni sono preziosi alleati per migliorare il tuo SEO. In realtà vengono utilizzati per evidenziare le pagine delle categorie. In genere, tutti i collegamenti convergono a queste pagine. Facendo qualche ricerca, troverai un’ampia varietà di strategie che ti permetteranno di fare affidamento su un networking interno efficace.

Tuttavia, l’attuazione di questo tipo di strategia richiede una certa dose di know-how e, soprattutto, tempo. Se vuoi prendere le giuste decisioni e implementare una strategia coerente, è meglio assumere i servizi di un consulente SEO.

Tieni presente che la creazione di link richiede un certo investimento nei siti di e-commerce. È necessario pianificare un budget abbastanza consistente per il netlinking. Puntando sulla rete interna starai già eseguendo le operazioni necessarie senza spendere nulla.

Hai pensato di fare riferimento alle immagini?

Un negozio online conterrà naturalmente centinaia o addirittura centinaia di migliaia di foto. Sono tutti elementi che potrebbero aiutarti ad arrivare in cima ai risultati di Google. Infatti, puoi promuovere il riferimento a queste foto utilizzando il tag ALT. Compilandolo potrai stabilire un collegamento tra la descrizione e il prodotto che stai vendendo. Quanto basta per migliorare il posizionamento della pagina che presenta la scheda prodotto.

Da diversi anni è possibile avviare una ricerca utilizzando una foto. Facendo ciò che è necessario affinché le tue foto vengano referenziate da Google, crei un nuovo canale di conversione. Essere presenti su Google Foto farà sicuramente la differenza negli anni a venire. Inoltre, ora è possibile scattare una foto di qualsiasi articolo per trovare lo stesso prodotto in vendita su un negozio online.

Sebbene l’inserimento del tag ALT sia importante, non tutti i temi forniscono i mezzi per apportare le modifiche necessarie. Se ti trovi di fronte a questa situazione, ti consigliamo di aggiungere il modulo Easy SEO. Quest’ultimo ti dà la possibilità di modificare le foto e inserire il tag ALT anche se le foto sono state caricate da molto tempo.