liquidation dissolution entreprise

Qual è la differenza tra scioglimento e liquidazione di una società?

Lo scioglimento e la liquidazione di un’impresa sono spesso oggetto di grande confusione a causa delle loro similitudini. Tuttavia, questi due concetti presentano notevoli differenze. Cosa significano le nozioni di scioglimento e liquidazione di una società? Quali sono le differenze tra loro e come funziona ciascuno di essi? Dovremmo preferire lo scioglimento alla liquidazione?

Definizioni di scioglimento e liquidazione di una società

Lo scioglimento di una società consiste nella cessazione anticipata delle sue attività. Quando il procedura per lo scioglimento di una società è fidanzato, porta a la sua cancellazione dai registri amministrativo. Spesso è decisa di comune accordo dai partner o ordinata dal giudice.

La liquidazione è la procedura che spoglia l’azienda di tutta la sua essenza. Concretamente si tratta della vendita del patrimonio aziendale per ripagare i debiti contratti. Segna la definitiva scomparsa della società secondo le leggi e le norme vigenti. La liquidazione avviene solo dopo uno scioglimento effettuato anticipatamente. Inoltre, la maggior parte delle società sciolte avviano senza indugio il processo di liquidazione. Solo lo scioglimento di una società a responsabilità limitata con una sola persona (EURL) non può essere immediatamente seguito dalla liquidazione.

liquidazione di una società

Le principali differenze tra scioglimento e liquidazione

La differenza principale è stata notata tra scioglimento e liquidazione è che la prima precede assolutamente la seconda. Altri punti divergenti riguardano anche gli attori di ciascun approccio e le procedure stesse.

Attori specifici per ciascuna procedura

In caso di scioglimento sono, in linea di principio, i soci ad intervenire. Si impegnano a interrompere l’accordo iniziale prima della sua scadenza. Si parla allora di scioglimento amichevole. Se la società si trova ad affrontare reali complicazioni finanziarie o un disaccordo assoluto tra i partner, è il giudice a subentrare. Lo scioglimento viene quindi effettuato in seguito alla decisione del giudice del tribunale commerciale o del tribunale giudiziario. La procedura, in questo caso, si chiama scioglimento giudiziale. I soci sono tenuti a rispettare la decisione del giudice dallo scioglimento fino alla liquidazione della società.

Per quanto riguarda la liquidazione, essa viene attuata da una persona denominata liquidatore. Ciò è espressamente designato dai soci o dal giudice del tribunale commerciale a seconda che lo scioglimento è amichevole o giudiziale. La sua nomina avviene con l’atto che stabilisce lo scioglimento della società. In caso di scioglimento amichevole, il liquidatore può essere l’amministratore della società, un socio o una persona esterna alla società. Per quanto riguarda lo scioglimento giudiziale, il liquidatore è assistito anche da un giudice-commissario, da un rappresentante dei lavoratori, da un esperto e, se necessario, da un rappresentante dell’ordine professionale.

Le distinte procedure di liquidazione e scioglimento

Portando alla scomparsa della società, lo scioglimento è di capitale importanza. Per questo motivo, la decisione di scioglimento deve essere presa durante un’assemblea generale straordinaria. Durante questa assemblea viene organizzata una votazione a maggioranza qualificata dei soci, per decidere sullo scioglimento della società.

A lire également  Il settore in forte espansione della stampa 2D, degli adesivi e di altri adesivi murali

Per quanto riguarda la liquidazione di una società, la sua attuazione segue una procedura semplice. In questo caso si tratta di un’Assemblea generale ordinaria che si riunisce per votare sulla chiusura del processo di liquidazione.

Qual è la procedura migliore per la tua azienda?

Lo scioglimento è il primo passo da seguire se desideri porre fine all’esistenza della tua attività. Una volta completata questa fase, potrà seguire la liquidazione amichevole o giudiziale.

L’ideale è procedere ad uno scioglimento amichevole. Perché abbia successo, tale decisione deve essere giustificata da validi motivi:

  • la scadenza della tua azienda,
  • la cessazione dell’oggetto sociale della società,
  • disaccordo tra i partner,
  • l’esistenza di una clausola legale di scioglimento amichevole.

Lo scioglimento amichevole è quindi adatto se sei in grado di saldare tutti i tuoi debiti.

Nel caso in cui la vostra azienda si trovi in ​​una situazione di fallimento (cessazione dei pagamenti dei debiti), il gestore ha il dovere di stabilire una dichiarazione di cessazione dei pagamenti da indirizzare al tribunale commerciale. Questo atto consentirà poi di avviare una procedura di scioglimento giudiziale, al fine di organizzare al meglio la scomparsa della vostra impresa garantendo al contempo il rimborso dei creditori.

Come procedere allo scioglimento o alla liquidazione della vostra attività?

Lo scioglimento e la liquidazione di una società segue un processo che implica procedure amministrative o legali. È inoltre richiesto l’assemblaggio di alcune parti. Entrambe le procedure prevedono il deposito degli atti presso la cancelleria del tribunale commerciale o presso il tribunale giudiziario del luogo in cui si svolgono le attività della sede principale della società.

scioglimento aziendale

La procedura per lo scioglimento di una società

Lo scioglimento di una società inizia con la deliberazione tra i soci sulla decisione di scioglimento. Poi viene l’istituzione diun verbale di scioglimento. Quest’ultimo deve essere registrato presso il Servizio fiscale delle imprese (SIE) a cui è collegata la tua azienda.

Dovrai quindi recarti al Centro Formalità Aziendali o sul sito infogreffe.fr per compilare il modulo M2. Per costituire il fascicolo da presentare all’anagrafe bisognerà allegare anche una copia autenticata della carta d’identità nazionale e una dichiarazione di non condanna del liquidatore. Non appena ciò avviene, è necessario pubblicare lo scioglimento su un giornale di avviso legale. Il fascicolo formato dovrà essere depositato presso la cancelleria del tribunale con prova dell’avvenuta pubblicazione.

In caso di scioglimento giudiziale, la richiesta di scioglimento deve essere inviata al giudice del tribunale accompagnata dal fascicolo.

Il processo di liquidazione di un’impresa

La liquidazione segue lo scioglimento e inizia con la redazione di un verbale di liquidazione che sarà registrato presso la SIE. Per quanto riguarda lo scioglimento sarà necessario compilare il modulo M4 relativo a cancellazione delle imprese e aggiungerlo al file. Qui sono richiesti altri documenti aggiuntivi:

  • i conti di liquidazione della società,
  • il bilancio della società,
  • il conto economico,
  • Allegati.

Infine, è necessario pubblicare la liquidazione anche su un giornale di avviso legale. Una volta completato questo passaggio, è ora possibile presentare il fascicolo completo alla cancelleria del tribunale commerciale o del tribunale giudiziario, giustificando la prova della pubblicazione.

Se si tratta di una liquidazione amichevole, il liquidatore dovrà poi procedere alla liquidazione inventario dei beni aziendali, recupero dei debiti e condivisione del patrimonio residuo.

Quando si tratta di liquidazione giudiziale, il liquidatore designato dal giudice compirà le stesse operazioni, ma seguendo le istruzioni del giudice.

Fonti editoriali

https://annonces-legales.lesechos.fr/actualites/dissolution/difference-entre-dissolution-liquidation-sarl/#:~:text=Premi%C3%A8re%20phase%20de%20la%20disparition,en%20tant% 20quella%20persona%20morale

https://www.entreprises-et-droit.fr/differences-dissolution-liquidation/

https://www.juripresse.fr/blog/tout-savoir-sur-la-dissolution-et-liquidation-dune-societe/

https://entreprises.service-public.fr/vosdroits/F36251/2_1_0?idFicheParent=F23744#2_1_0