Rails lance un tour de table de 6,2 millions de dollars pour son alternative décentralisée FTX

Rails avvia una raccolta fondi da 6,2 milioni di dollari per la sua offerta alternativa decentralizzata a FTX

In un mondo finanziario in continua evoluzione, la recente breccia lasciata dal crollo dell’exchange di criptovalute FTX nel 2022 ha scatenato una corsa per colmarla. **Rails**, relativamente nuovo sulla scena degli scambi decentralizzati, si è rapidamente posizionato come un serio contendente, attirando l’attenzione con un’impressionante raccolta fondi da 6,2 milioni di dollari. Guidata da **Satraj Bambra**, co-fondatore e CEO, questa startup mira a introdurre una piattaforma offshore in territori cripto-friendly, escludendo per il momento volontariamente gli Stati Uniti dal suo ambito.

Tutti gli occhi sono puntati su Rails che aspira a costruire un ponte tra il mondo degli scambi centralizzati e decentralizzati sviluppando tecnologie innovative. Con il supporto di Slow Ventures, CMCC Global, Round13 Capital e Quantstamp, Rails prevede di rafforzare il proprio team di ingegneri ed espandere le proprie strategie di licenza e normative per garantire la piena conformità.

Il crollo di FTX ha messo in luce diversi problemi, tra cui l’uso improprio dei depositi dei clienti. In risposta, Rails sta puntando sulla sicurezza dei fondi degli utenti, in particolare attraverso derivati ​​crittografici e futures perpetui, un’offerta che molte istituzioni finanziarie hanno cercato dopo la scomparsa della piattaforma di Sam Bankman-Fried. Bambra, in tandem con Megha Bambra e Rick Marini, ex Grindr, sta perseguendo una visione audace. Dopo aver già dato prova del proprio valore vendendo la precedente startup BlockEQ a Coinsquare per quasi 8,8 milioni di dollari, il team è pronto a rivoluzionare il mercato.

Rails si concentra su una clientela composta principalmente da market maker e investitori istituzionali o facoltosi. Il concetto di contratti futures perpetui, che offrono una gestione del rischio più precisa, è al centro della loro proposta. Inoltre, la piattaforma prende una direzione coraggiosa con l’autocustodia dei fondi, consentendo ai proprietari il controllo assoluto sui propri beni, a differenza della fiducia tradizionalmente riposta nelle banche o in altri scambi.

A lire également  Space and Time si propone di migliorare la trasparenza dei dati nel mondo dell'AI grazie al Web3

In vista del lancio pubblico previsto entro la fine dell’anno, Rails ha già assicurato oltre 10 milioni di dollari di capitale durante una fase privata. La piattaforma si prepara ad aprire le porte a un numero selezionato di partecipanti per il beta testing a maggio, garantendo il buon funzionamento degli scambi.

La posizione finale di Rails è ancora da determinare, ma sarà ancorata in giurisdizioni cripto-friendly. Adottando un approccio ibrido che combina il meglio dei mondi centralizzato e decentralizzato, Rails mira a offrire un’esperienza utente senza precedenti, in cui ogni transazione è veloce e affidabile, pur mantenendo il controllo completo sulle proprie risorse.

Alla luce del precedente di FTX, Rails si posiziona non solo come alternativa affidabile ma anche come pioniere nell’autocustodia e nella trasparenza delle operazioni sulla blockchain. Nel prossimo futuro, l’azienda prevede di espandere le proprie funzionalità social e di avviare partnership chiave per arricchire il proprio ecosistema. Per Bambra, Rails non è un’avventura opportunistica, ma un tentativo di ridefinire lo scambio di criptovalute, mettendo l’esperienza dell’utente e la sicurezza al centro di tutto.