shadow pc

Shadow rivede la sua strategia e lancia 5.000 nuovi PC accessibili dal Cloud

Orgoglioso di rappresentare il genio creativo francese, Shadow è stato posto in amministrazione controllata nel 2021. Fornitore di soluzioni software, il marchio francese offre PC virtuali. L’utente può usufruire di un computer remoto con una potenza di calcolo soddisfacente e una RAM adeguata. L’azienda sull’orlo della bancarotta è stata salvata da Octave Klaba, presidente fondatore di OVH, leader del Cloud Computing in Francia.

Il risveglio di Shadow si basa su una strategia rinnovata

All’inizio Shadow aveva l’ambizione di affrontare un settore all’avanguardia riservato a un ristretto numero di giocatori. Questi ultimi, che costituiscono un club chiuso, sono spesso grandi gruppi IT con una solida salute finanziaria che desiderano diversificare. Dopo il suo tumultuoso lancio, il marchio francese ha una migliore comprensione del mercato dei computer online. La giovane azienda ha imparato dai propri errori di giudizio. D’ora in poi l’azienda offrirà un servizio vantaggioso per tutti con un rapporto qualità/prezzo rivisto.

Tra le nuove direttive c’è la modifica del prezzo, l’adeguamento dei termini contrattuali nonché l’investimento in server più efficienti. Secondo Blade, l’azienda dietro il marchio Shadow, è imperativo gestire al meglio la fiducia che la comunità degli utenti ripone in esso da poco più di 5 anni. Il rapporto è fortemente caratterizzato da una storia piena di grandi promesse. I manager ascoltano attivamente i loro clienti. Comunicano meno e preferiscono fornire soluzioni concrete alle esigenze di ciascun iscritto.

L’ambizione di raggiungere 100.000 portafogli clienti

Shadow è più del necessario per raggiungere la soglia dei 100.000 utenti durante questo rilancio. Questo numero è stato superato in passato e il brand spera di riuscire a mantenerlo. Per fare ciò, devono adottare nuovi approcci. È più che necessario risolvere il problema dell’attesa intermittente dovuta a problemi del server. Dall’autunno 2021 Shadow è stata dotata di 5.000 ulteriori punti di accesso istantaneo.

A lire également  Nonostante il crescente successo nel 2020, i casinò online rimangono vietati

Con questa riprogettazione, il sistema PC online non dovrebbe mettere a dura prova la pazienza dei suoi utenti. L’attivazione del computer virtuale richiede solo 72 ore al massimo. Anche la fornitura di nuove installazioni hardware e server più efficienti ravviva l’entusiasmo del team Shadow. Il personale nel complesso rimane lo stesso. Dotato di adeguate risorse tecniche e finanziarie, il reparto marketing segue ora una politica di servizio incentrata sulla crescita.

Verso la creazione di un ambiente software innovativo

Sotto la guida di OVH, Shadow può accelerare il passo verso la conquista del mercato dei PC virtuali. Le nuove risorse finanziarie, tecniche e umane sono per essa strategiche. A questi elementi si aggiunge il suo know-how e la buona conoscenza del settore. Ora resta al team lo sviluppo di un software che si distingua davvero dagli altri.

Per quest’anno 2022 l’azienda rivede i propri obiettivi al rialzo. Ritiene che raggiungerà il fatturato prefissato con cicli di vita rielaborati per rimanere al passo con i tempi. Nel campo del software e dei servizi online, bisogna creare un buon prodotto e offrirne uno migliore prima che altri possano copiarlo. Il brand, infatti, ha dovuto sviluppare un sistema di autenticazione, relativi strumenti di gestione e un metodo di pagamento più moderno.

Probabile cambio di target per Shadow

Successivamente, il brand ha adottato un’identità visiva in linea con il suo nuovo target. Il logo e il materiale pubblicitario riflettono più da vicino una clientela che inizialmente non si aspettava. Nel 2016, il suo fondatore principale, Emmanuel Freund, voleva rivolgersi principalmente agli appassionati di videogiochi online. Tuttavia, la loro esigenza era quasi tecnicamente irrealizzabile. Ciò spinge il marchio a riadattare il proprio modello di business.

Attualmente OVH vuole offrire i suoi PC virtuali soprattutto ai clienti B2B. Il colosso del Cloud Computing cerca soprattutto di attrarre professionisti alla ricerca di mezzi tecnologici non necessariamente eccezionali, ma di software adatti al loro core business. Altrimenti, Octave Klaba impiega tutta la sua influenza per dare a Shadow l’infrastruttura materiale che gli consenta di sperimentare una crescita duratura. C’è in particolare la collaborazione con INpact, altro nome da ricordare quando si parla di server. Aspetta e vedi.